Piazza in diretta:Francesca Mattioli in Marletta era legata profondamente alla nostra città.

Piazza in diretta:Francesca Mattioli in Marletta era legata profondamente alla nostra città.

Cosenza- Ha reso l’anima a Dio la signora Francesca Mattioli in Marletta. Questa notte, dopo lunga malattia, Piazza Armerina ha definitivamente perso una delle sue più infaticabili e prodighe cittadine. Profondamente legata alla nostra città, con il marito, l’alto magistrato Giovanni Marletta, hanno dedicato opere e missioni a piene mani ed a cuore aperto per la crescita culturale, umana e sociale della nostra città. Un modello autentico e genuino che va additato come esempio fulgido per ogni generazione presente e futura. Una Donna, con il maiuscolo a tutto tondo, alla quale Piazza Armerina, tributerà, di certo, il doveroso ricordo. Al marito Giovanni Marletta , alla figlia Lucia con il marito, ai parenti tutti le condoglianze della redazione di PiazzainDiretta.
rlferrara
Foto tratta dal post di Marco Incalcaterra

Print Friendly, PDF & Email
Previous Il Sindaco della città di Piazza Armerina: L'attaccamento di Francesca Mattioli alla nostra città non verrà dimenticato.
Next Giovanni e Lucia Marletta:Grazie a tutti per il bel ricordo di Francesca Mattioli.

About author

You might also like

I magistrati fanno un uso politico della giustizia?

Piercamillo Davigo e Nicola Morra Oggi “Intromittunt se de omnibus”, si impicciano di tutto, i P.M. ed i Giudici penali. Perseguire i reati, veri o immaginari è la chiave per

Print Friendly, PDF & Email

Granata(Valle Crati):Basta con i privati, «Serve una gestione pubblica da parte degli enti locali nel settore rifiuti».

Sono assolutamente convinto che qualsiasi impianto per la gestione dei rifiuti debba essere di natura pubblica. Ciò, tra le altre cose, ci consentirebbe di calmierare i costi della bolletta dei

Print Friendly, PDF & Email

Lega Calabria: Gli scenari sono cambiati, ma Sofo non sembra essersene accorto.

Matteo Salvini Gli scenari sono cambiati. Ma Sofo, e i loro non sembrano essersene accorti. Uno sconfitta non da poco che assomiglia tanto  a quella famosa storia del pugile messo a

Print Friendly, PDF & Email

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply